mercoledì 10 febbraio 2016

Rose e Florovivaismo Italiano al MACRO

Come già annunciato su queste pagine, lo scorso 4 febbraio 2016 sono stati presentati al pubblico gli Atti del 1° Convegno Internazionale "Gli Autori delle Rose e il Florovivaismo Italiano", organizzato dalla Nicla Edizioni lo scorso settembre 2015, presso il CET (Centro Europeo Tuscolano). 

 

Curati dall'editrice e scrittrice Nicoletta Campanella, gli Atti raccolgono gli interventi di  numerosi, importanti esponenti del mondo delle rose e del florovivaismo italiano e internazionale, quali Beatrice Barni, Walter Branchi, Nicoletta Campanella, Emanuela Rosa-Cloth, Alberto Giuntoli, Andrea Mansuino, Anna Peyron, Charles Quest-Ritson.
Alla presentazione, tenuta presso il MACRO (Museo d'Arte Contemporanea di Roma), sono intervenuti: Beatrice Barni, Nicoletta Campanella, Giovanna Alberta Campitelli, Alberto Giuntoli, Stefano Marzullo ed Anna Peyron.
In sala numerose autorità legate al mondo delle rose, fra cui l'importante collezionista e specialista di rose storiche italiane, Rita Oliva. 
 
Da sinistra: Nicoletta Campanella, scrittrice ed editrice; Giovanna Alberta Campitelli, dirigente Ville e Parchi Storici di Roma, (Sovraintendenza Capitolina ai Beni Culturali); Anna Peyron famosa vivaista specializzata in rose botaniche, 
antiche e da collezione.

Beatrice Barni, biologa
e ibridatrice di "Rose Barni".
Stefano Marzullo, rodologo e curatore
del Roseto dell'Orto Botanico
dell'Università di Roma "La Sapienza".
Alberto Giuntoli, paesaggista
e presidente della Società
Toscana di Orticultura.
 
Gli interventi sono stati preceduti dalla proiezione in sala di una collezione di tavole grafico-pittoriche dell'artista botanica Aurora Tazza, dedicate alle Rose Storiche Italiane. Tavole presenti anche all'interno degli Atti.
A.T.
Proiezione delle tavole dedicate
alle Rose storiche italiane.

L'autrice delle tavole.


A breve, sarà disponibile l'edizione degli Atti in lingua inglese. 

Per prenotare copie degli Atti ci si può rivolgere a:


Nessun commento:

Posta un commento